Una preghiera del cuore semplice per tutti

Una preghiera del cuore semplice per tutti


Sappiamo dai maestri di preghiera, antichi e moderni, quanto sia importante nella preghiera il respiro. Non solo perché distende la mente, aiutandoci, se ci concentriamo su inspirazione ed espirazione, ad alleggerire il flusso dei pensieri, ma perché il respiro ha la stessa radice del soffio dello Spirito Santo. “Ruah” in ebraico/pneuma in greco, designa lo Spirito di Dio e di conseguenza il soffio vitale. Letteralmente significa vento e respiro, un soffio che mette in movimento. Quindi possiamo associare, pregando, il respiro a Dio. Allora ogni mattina, al risveglio, proviamo questo piccolo esercizio di meditazione, che ci può portare alla contemplazione: in silenzio, con gli occhi chiusi, mettiamo a riposo il nostro corpo, iniziamo a respirare senza pensare a nulla in particolare se non al respiro stesso, poi dopo qualche minuto inspirando ripetiamo nel cuore “Gesù”. Proviamo a farlo sorridendo a Colui che stiamo invocando.
Se Dio vuole concedere questa grazia a chi lo cerca con cuore sincero, a poco a poco potremo sentire viva nel cuore la Sua presenza e riceveremo in Dono il Suo Amore. Fate questo piccolo esercizio, una preghiera molto semplice che può dare grandi frutti. Non pensate a nulla, non chiedete nulla, cercate soltanto di amare. Io la pratico spesso, specialmente la notte o quando vado a letto. Fate compagnia al Signore e riceverete Pace, consolazione e forza per sostenere voi stessi e le persone a voi più vicine.